Palazzo Topkapi : La reggia dei Sultani

Il Palazzo di Topkapi a Istanbul è in posizione strategica sul basso promontorio dove si incontrano le acque del Corno d’Oro e del Mar di Marmara. Un punto meraviglioso con una vista spettacolare. Spesso immagino la vita che facevano le odalische e i sultani che vivevano nel Palazzo.

Il Palazzo di Topkapi è stato il centro del potere Ottomano per oltre quattro secoli essendo stato la reggia dei vari Sultani ottomani dalla caduta di Costantinopoli alla caduta dell’Impero Ottomano.

Visitare Topkapi è una delle attrazioni più importanti di Istanbul. Il santuosissimo Palazzo è il museo più visitato di Istanbul. In turco si chiama ‘Topkapi Sarayi’, dove ‘saray’ significa ‘il Palazzo’.

Il palazzo si affaccia sull’ingresso del celebre stretto di Bosforo, là dove il canale lascia il Mar di Marmara e inizia la sua corsa verso il Mar Nero e si trova dova inizia il magnifico porto naturale del Corno d’Oro. Il Topkapi aveva allora una valenza molto strategica per mantenere il potere, potendo dominare il traffico navale che collegava il Mar Nero al Mediterraneo.

La costruzione del palazzo iniziò nel 1466, 13 anni dopo la caduta di Costantinopoli, e fu completata nel 1478, sotto la guida di Mehmet II , appunto il Conquistatore di Istanbul.

Il Topkapi è molto grande, e la sua visita richiede qualche ora. Il palazzo è diviso in 3 grandi corti. Nel centro del terzo cortile si trova il padiglione del Mantello Sacro, con le reliquie del profeta Maometto come anche di altri profeti come Mosè e San Giovanni Battista.

Le stanze del tesoro del museo ricche di gioielli ed opere d’arte di grande valore, dove si trova il famosissimo ‘diamante‘. Il Palazzo di Topkapi è ora un museo e il tesoro del museo è considerato uno dei tesori più famosi del mondo: mazze, pendenti, pugnali, cassapanche, copertine di libri, candelabri, gioielli, anelli, e vari oggetti decorativi, tutti ornati di pietre preziose come diamanti, smeraldi, rubini, brillanti, cristalli, e turchesi. Quasi tutti gli oggetti custoditi qui sono considerati dal valore inestimabile. Tra i pezzi assolutamente da non perdere è da segnalare il celebre Diamante del Fabbricante di Cucchiai (Kasikci in turco), una gemma luminosa e splendente di forma ovale, il 5° diamante al mondo per grandezza. Questa gemma dispone di ben 86 carati ed è circondata da 49 diamanti più piccoli, che gli conferiscono l’aspetto di una luna piena in un cielo notturno trapuntato di stelle.

Un altro pezzo celebre è il pugnale Topkapi: come il Kasikci anche questo gioiello è stato reso famoso dal film ‘ Topkapi’. Ora potete ammirare voi stessi gli enormi 3 smeraldi incastonati sul suo manico, oltre che ad altre pietre preziose ed un particolare orologio, particolarmente indispensabile in un pugnale.

A parte si possono poi visitare gli appartamenti privati del sultano, l’Harem, che consente di poter ammirare un magnifico spaccato della vita dei più grandi condottieri ottomani, che qui hanno vissuto per quasi 450 anni.

L’Harem, o ‘luogo proibito’, è forse la zona più intrigante del complesso. La parola ‘harem’, nel senso di ‘tabù’ o ‘proibito’, era usato per il concetto di famiglia nella società ottomana. Harem era quindi il luogo privato e vietato a tutti gli altri, dove la dinastia dei sultani visse, all’interno del palazzo ottomano. Quindi, l’Harem di Topkapi non era banalmente il luogo dei piaceri sessuali, ma era in realtà la casa privata del Sultano, una serie di suite utilizzate per ospitare la madre del Sultano (Valide Sultan), le mogli, i suoi figli e dove erano ospitate le concubine e le aspiranti tali. Alla fine potevano viverci fino ad oltre 500 persone.

L’Harem si può visitare oggi pagando un biglietto supplementare.

orari di apertura del Museo Palazzo Topkapi: Tutti i giorni escluso il Martedi dalle 09:00 alle 18:00

il costo del biglietto per il museo: 20 TL, costo del biglietto per l’Harem: 15 TL

i biglietti si possono acquistare fino alle 16:00

(4Votes, average: 4,00 out of 5)
Loading ... Loading ...

 

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>