I love Turchia | Moneta e cambio in Turchia
829
page-template-default,page,page-id-829,ajax_fade,page_not_loaded,,vertical_menu_enabled,qode-title-hidden,qode_grid_1300,side_area_uncovered_from_content,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-16.6,qode-theme-bridge,disabled_footer_top,disabled_footer_bottom,wpb-js-composer js-comp-ver-5.5.1,vc_responsive

La moneta della Turchia è la lira turca (YTL). Le bancanote sono nei tagli da 5, 10, 20, 50 e 100, invece le monete sono da 1, 5, 10, 25 e 50 kurus e da 1 lira.

Se volete cambiare soldi all’inizio del viaggio, è meglio cambiarli arrivati in Turchia invece di cambiarli in Italia o all’aeroporto, inoltre le valute più importanti si cambiano facilmente negli uffici di cambio che sono molto frequenti in grandi città e in molti uffici postali (PTT). Comunque a Istanbul, nelle grandi città e nei posti turistici, molti negozi, alberghi e ristoranti accettano l’euro e il dollaro americano per i pagamenti ma in tal caso è sempre meglio controllare prima la valuta del giorno. Sempre in questi posti più turistici, gli uffici cambio si trovano ovunque.

Cambiare i traveller’s cheque è più difficile, se proprio dovete cambiarli, provate da Akbank e presso gli uffici postali ma il tasso di cambio di solito è leggermente più basso.

Nel caso si avesse la necessità di trasferimento di denaro via Western Union, le filiali di quasi tutte le banche e PTT offrono questo servizio.

Pagare con la carta di credito o il bancomat è la soluzione più semplice tranne per le carte American Express  che spesso non sono accettate.

Se siete titolari di carte Visa, MasterCard, Cirrus e Maestro potete prelevare lire turche in contanti dagli sportelli dove vedete il logo di questi circuiti sui bancomat, che troverete in quasi tutte le località. In Turchia potrete viaggiare senza mai ricorrere alle banche e utilizzando soltanto i bancomat, ma ci saranno applicate le commissioni. Vi consiglio di tenere presente che nei posti remoti  è difficile trovare i bancomat. E’ consigliabile controllare con la vostra banca che il PIN che utilizzate abitualmente per prelevare sia valido anche all’estero.