Tulipani di Istanbul

Il tulipano è il simbolo della Turchia e Istanbul è dipinta dai mille colori dei tulipani.

Il tulipano è giunto in Anatolia con una dinastia turca, i Selciuchi, che non hanno solo piantato i bulbi di questo romantico e mistico fiore ma hanno cominciato ad ornarci le moschee, le pietre tombali e lo hanno usato nella pittura. Il motivi perchè lo hanno usato per ornare i punti sacri è la sua forma che assomiglia alla parola Allah in arabo.

Incontriamo il tulipano che è entrato in Anatolia nell’XI secolo anche nelle righe di Mevlana nel XIII secolo. Anche gli Ottomani hanno amato il tulipano e l’hanno piantato nelle terre che hanno conquistato. Il tulipano ha avuto un ruolo molto particolare nella storia turca. Dopo la conquista di Istanbul nel 1453 il tulipano ha messo piede nella terra europea. Gli abiti dei sultani e i mobili dei palazzi sono stati ornati con i disegni raffiguranti i tulipani. Tra i sultani che hanno amato di più questo simbolico fiore possiamo elencare Fatih Sultan Mehmet il Conquistatore, Suleyman il Magnifico che lo volle sviluppare in numerose varietà e impiantare un po’ ovunque e Sultano Ahmet III. Il periodo fra il 1718 ed il 1730, sotto il regno del Sultano Ahmed III, porta il nome di Era del Tulipano riferendosi a un momento storico caratterizzato dalla pace e dal fiorire delle arti.

I tulipani erano diventati uno stile nelle arti applicate, nel folclore e nella vita quotidiana. I tessuti e i ricami realizzati a mano, i tappeti, le maioliche e le miniature riportavano disegni o figure del tulipano, così come i grandi giardini di tulipani intorno al Corno d’Oro erano frequentati dalla gente dell’alta società.

Tulipani sono nativi di Asia centrale e Anatolia. E’ stato l’impero Ottomano per primo a coltivare il tulpiano al livelo commerciale esportandoli in Olanda nel XVII secolo.

Nel XIX secolo il tulipano di Istanbul sembra scomparire fino alla sua ricomparsa nel XX secolo, quindi il tulipano ora torna a casa perchè il lupano più bello cresce a Istanbul:) celebrando così il simbolo stesso della Turchia. Il nome botanico per il tulipano tulipa deriva dalla parola turca tulbend, turbante, al quale il fiore assomiglia.

A Istanbul si tiene l’International Istanbul Tulip Festival: ogni anno in primavera (solitamente tra aprile e maggio) la città diventa un enorme prato fiorito, naturalmente di tulipani! L’International Istanbul Tulip Festival è quindi un omaggio al simbolo floreale nazionale. Il programma della manifestazione che nel corso degli anni ha ampliato l’offerta, prevede anche concerti, corsi di tecnica ebru con artisti locali, mostre fotografiche e pittoriche; sarà anche possibile comprare i bulbi di numerose varietà di tulipani turchi per poi trapiantarli nel proprio giardino al ritorno dal viaggio. I fiori sono in una varietà enorme di colori luminosi, compreso il bianco, il giallo, il rosa, il rosso, il nero, il porpora, l’arancio e altre specie bicolori. Tutti i bulbi di tulipani piantati in occasione del Festival provengono dalla Turchia, e in particolar modo da alcuni piccoli paesi nelle vicinanze di Istanbul. In questo modo il Comune di Istanbul, che organizza la manifestazione, intende dare un supporto economico ai floricoltori locali. Il festival rappresenta inoltre un’occasione per scoprire i parchi cittadini, come il Parco di Emirgan che si trasforma in un vero e prorio paradiso colorato sul Bosforo. (20/03/2012)

La primavera 2013 si svolge la sua 8° edizione… dipende tutto da quando sbocciano i fiori.

(2Votes, average: 3,00 out of 5)
Loading ... Loading ...

1 Comment

  1. [...] 1 al 30 aprile, in varie locations istanbuliote, si è svolta la 9° edizione del Festival dei Tulipani (Istanbul Lale Festivali) e ci è sembrato d’obbligo trascorrere un pomeriggio immersi tra [...]

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>